Skip to main content

“Con la mancata impugnativa della stabilizzazione del personale impegnato in attività socialmente utili, si segna un altro importante passo in avanti nella lotta contro il precariato della pubblica amministrazione siciliana”. Ad affermarlo è il segretario generale della Cisl Fp Sicilia, Paolo Montera, dopo la notizia del via libera da parte della presidenza del consiglio dei ministri, all’articolo della legge di stabilità regionale che ha previsto la stabilizzazione dei circa 4000 Asu.

“Il governo e il parlamento siciliano hanno fatto tesoro del dialogo con le organizzazioni sindacali, – dichiara Montera – infatti, prevedendo la storicizzazione della spesa e seguendo lo stesso percorso tracciato per la stabilizzazione degli ex articolisti, Puc, Lsu ed Lpu, la norma ha superato i limiti emersi con l’impugnativa precedente”.

“Questo risultato – prosegue il segretario della Cisl Fp Sicilia – evidenzia che con il confronto i risultati arrivano, anche quelli di grande rilevanza socio-politica come questo. Adesso occorre procedere per ottenere una norma statale, analoga a quella recentemente varata nella legge di conversione del Mileproroghe per il personale già contrattualizzato, che deroghi ai vincoli assunzionali, visto che il finanziamento è eterofinanziato e a carico della Regione”.

”Per sanare, anche se parzialmente, questa piaga – conclude Montera – ci sono voluti decenni, ecco perché auspichiamo che non venga mai più ‘a nessuno’ la tentazione di creare altro precariato e vigileremo perché ciò non accada”