Bocciato dalla Corte dei Conti il nuovo Ccrl della dirigenza. I sindacati: "Un passo indietro gravissimo"

Luglio 21, 2021

Bocciato dalla Corte dei Conti il nuovo Ccrl della dirigenza. I sindacati:

Il nuovo contratto della dirigenza della Regione siciliana, quello relativo al triennio 2016-2018, non regge all'esame della Corte dei Conti. Tra le motivazioni della magistratura contabile "la mancata compatibilità finanziaria ed economica" del nuovo contratto. "Si tratta di una gravissima violazione dei diritti di un'intera categoria di lavoratori, ad oggi l'unico comparto della pubblica amministrazione di tutta Italia a scontare ben due bienni di ritardo e ad attendere da oltre 15 anni il rinnovo contrattuale. La Regione trovi al più presto una soluzione per non far scontare ai lavoratori le conseguenze della devastante parifica del rendiconto del 2019, la cui partita non sembra essersi chiusa", dicono le segreterie regionali di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, Cobas-Codir, Sadirs e Ugl, commentando la certificazione negativa che la Corte dei Conti ha restituito all’Aran Sicilia. 

"Questa bocciatura rischia di compromettere il buon funzionamento della macchina amministrativa regionale proprio in un periodo in cui è importante che la struttura funzioni nel migliore dei modi. Lo abbiamo ribadito più volte: non vogliamo discutere soltanto di aspetti economici, ci interessa il confronto sul progetto complessivo di burocrazia regionale, da qui al 2030 e oltre. Dobbiamo gettare le basi per una nuova Regione", concludono le organizzazioni sindacali. 

Scarica la nota interna:

Nota interna CCRL Dirigenza Cisl Fp Sicilia.pdf